Le immagini della Cina antica,la sensazione di calma e conoscenza che anche folkloristicamente venivano rappresentate in televisione e al cinema, il kung fu, la forza di concentrazione che permetteva esercizi quasi impossibili,e l’armonia integrata e vicendevole tra uomo e  natura hanno plasmato nel mio animo di bambino degli anni 70 una curiosità ed un rispetto per la cultura orientale che mi ha sempre accompagnato Ho praticato il Kung Fu ,il Taichi,i l Liam Gong,  il Qi Gong ,la meditazione in diverse tecniche. Ho avuto la grande fortuna di poter vivere  in maniera prima intermittente e poi continuativa in Brasile per circa 13 anni scoprendo un popolo meraviglioso,accogliente e in costante ricerca della propria evoluzione spirituale attraverso il contatto con la “Natureza” qui ho anche conseguito il diploma di agopunturista e tecniche di Medicina Tradizionale Cinese presso l’Enac la Escola Nacional de Acupuntura di Brasilia ed ho operato come terapeuta in ambulatorio e a domicilio.

Ho avuto modo di seguire le loro celebrazioni ed ho partecipato a sessioni di Ayauaska al rito per la preparazione dello “Cha Sagrado” (Tè Sacro), ad incontri di Tetha Healing,di Bars di Access, di Bufus Alvarius.

Credo nella medicina occidentale e nel metodo scientifico che reputo i pilastri del miglioramento delle condizioni di vita e del suo prolungamento; credo anche che l’universo, tutte le sue forme e l’uomo siano differenti stati in dinamico equilibro di una stessa ed unica energia  e che sono destinati ad aggregarsi e a separarsi in un ciclo continuo di esperienze;in questa visione la Medicina Orientale offre percorsi di riequilibro e di cura che sono naturali, preziosi, meravigliosamente unici ed efficaci.

Il ricorso alla medicina naturale è stato il primo tentativo dell’uomo di risolvere le proprie malattie. E’ un processo antico probabilmente quanto la storia dell’uomo stesso e che in Oriente ha avuto la sua massima espressione.

La Medicina Occidentale e le Terapie Orientali possono essere complementari riconducendo ad un’unione più intima e strettamente correlata tra tutte le forme su questo pianeta; l’uomo abita e fa parte del mondo e tutte le cose che esistono ne permettono la sopravvivenza;lo stesso atto del respiro per noi normalissimo e scontato, è un processo che usa l’ossigeno, il gas dell’aria più importante per la vita, che è a tutti gli effetti uno scarto , un sottoprodotto, del nutrimento delle piante.

Che ne siamo coscienti o meno ,in ogni istante interagiamo , letteralmente ci scambiamo sostanze ed essenze con l’ambiente che ci circonda.

Portare un po' di attenzione,gentilezza e rispetto a noi stessi ed al resto che ci accoglie,probabilmente può aiutare a migliorare la vita di tutti gli esseri su questo nostro mondo.

Mi auguro fortemente che Terapias possa contribuire in qualche modo alla realizzazione di questa  coscienza.

Buona salute a tutti.

Fabrizio Spaziani