MOXATERAPIA

 

la Moxaterapia od anche Moxibustione è una terapia di Medicina Orientale basata sull’applicazione del calore nei punti di agopuntura o nei punti di dolore.

Nel “Testo classico di medicina interna dell’Imperatore Giallo” si afferma :

“quando l’agopuntura non è sufficiente si usi la moxibustione” a testimonianza dell’efficacia e dell’unicità di questo metodo.

La moxa deriva dalle parole giapponesi Moe e Kusa il cui significato è “erba che brucia”; è una lana vegetale derivata principalmente dalla macerazione delle foglie  della pianta Artemisia.

La tecnica utilizzata prevede l’utilizzo della Moxibustione indiretta ovvero senza contatto diretto con la pelle. La Moxaterapia viene applicata in diverse modalità a secondo della zona trattata e del risultato che si desidera ottenere. Si può usare una particolare scatola in legno con all’interno una retina metallica di protezione sulla quale viene accesa la moxa che si trova ad una distanza di circa 4 cm dalla pelle e si usa quando bisogna irradiare una zona piuttosto ampia; per lavorare su punti più piccoli si preferisce la moxa adesiva che si presenta nella forma di piccoli cilindri con alla base un  cerchio metallico adesivo,per i punti più complicati si utilizza il sigaro di moxa con fumo che ha anche proprietà battericide o di carbone di artemisia senza fumo.

Questa terapia è generalmente usata per la tonificazione dell’organismo, per eliminare invasioni di freddo e umidità, per alleviare il dolore, per riscaldare i meridiani, per regolare la circolazione del Qi e del Sangue, per aumentare l’energia, per rinforzare l’immunità dell’organismo  ed anche nel recupero fisico dopo malattie croniche di lunga durata o post operazione, ma i suoi benefici sono  molteplici nel trattamento delle più svariate patologie .

La Moxaterapia è particolarmente consigliata per il riposizionamento giusto del feto  quando ancora nelle ultime settimane si trova in posizione podalica o trasversale, ottenendo ottimi risultati.

Anche se non c’è contatto diretto tra fuoco e cute è necessario avvisare che occasionalmente ed in base alla costituzione personale la Moxaterapia può causare arrossamenti di intensità variabile sulla pelle. Ci sono diverse condizioni in cui questa pratica non è consigliata, ad esempio se ci si trova in stato febbrile, sopra le ferite, in caso di ipertensione, durante il ciclo mestruale, in persone con diabete, psoriasi, o allergia all’artemisia.